Incidenti Stradali Scoprire la Truffa diventa sempre più’ Semplice

 TRUFFA,BLACK LIST CONTRO LE FRODI

Abbiamo parlato in modo approfondito delle frodi nell’ambito degli incidenti stradali, come riconoscerli e come tutelarsi, in quest’ultimo caso vi è una novità molto importante: la nascita della Black List.

La Black List è una banca dati composta di tre sezioni e ha lo scopo principale di prevenire i comportamenti fraudolenti messi in atto a danno delle assicurazioni. Vi sono, quindi, la banca dati sinistri, la banca dati danneggiati e la banca dati testimoni, tutti disciplinati dal regolamento adottato dall’istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (Ivass).

Al verificarsi di un sinistro stradale, dopo l’avvenuta denuncia all’assicurazione gli sarà assegnato un codice identificativo che può essere facilmente rintracciabile sia dalle autorità sia dalle compagnie assicurative.

newmamma 728x90

Dopo un’attenta analisi, se sono riscontrati sospetti di truffa tramite controlli incrociati, la pratica sarà inserita, appunto, nella Black List. Il suo scopo principale è quello di stringere la morsa per la difesa contro possibili truffe, contro i falsi incidenti attraverso un lavoro di elaborazione delle statistiche, di ricerche e analisi dei dati rilevati.

Ad essere maggiormente colpiti saranno coloro che si trovano più volte coinvolti in pratiche relative a risarcimenti assicurativi e coloro che spesso ricoprono il ruolo di testimoni di comodo, stringendo accordi di complicità con i coinvolti nell’incidente.

Il regolamento, descritto in precedenza, si applica:

  • Alle imprese di assicurazione sul territorio italiano
  • Alle imprese facenti parte del territorio dell’Unione Europea
  • Alle imprese che fanno parte dello spazio economico europeo ma che sono abilitate a svolgere la loro attività assicurativa nel territorio italiano.

Le compagnie assicurative, dal canto loro, dopo aver ricevuto la richiesta di risarcimento o la denuncia da parte del danneggiato/assicurato deve, obbligatoriamente, comunicare i dati all’Ivass entro 7 giorni dal ricevimento. Dopo aver ricevuto i dati, essi verranno registrati nelle banche dati e saranno conservati per un termine di 5 anni dalla data in cui viene definito il sinistro. Ogni incidente verrà schedato e riconosciuto tramite un codice unico.

Il sinistro verrà poi inserito nella white list o nella black list, nel caso in cui il sinistro venga inserito in quest’ultima sarà valutato come sospetta truffa e messo a disposizione delle forze dell’ordine per effettuare i dovuti accertamenti prima che l’assicurazione possa procedere alla liquidazione del danno.

Le compagnie di assicurazioni, la Consap, l’Uci hanno la facoltà di consultare questa banca dati ma sono sottoposte a delle limitazioni, previste dall’articolo 4 comma 1 del regolamento ossia possono svolgere questa operazione esclusivamente per scopo di prevenzione e lotta alle frodi.

Tentare di risolvere il problema delle truffe assicurative rappresenta il primo passo per permettere un abbassamento delle tariffe del premio assicurativo, elemento indubbiamente positivo per gli automobilisti.



newmamma 300x250

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Per maggiori informazioni visita il nostro Centro Privacy o modifica le tue preferenze cliccando su Impostazioni Cookie.